Skip to content
Skip to navigation
a 3d illustration of a person standing on a step of abstract stairs, which are colored with vibrant gradients, from magenta to blue to orange

IA, 9 step per implementarla correttamente nei processi aziendali

Intelligenza Artificiale Digitalizzazione Imprese Business Data Governance Manufacturing Consulting & Other services Telco & Media Travel & Transportation

IA, 9 step per implementarla correttamente nei processi aziendali


Nonostante il difficile contesto internazionale, per l'Intelligenza Artificiale l’ultimo anno è stato da record grazie anche all’esplosione dell’utilizzo di software di IA Generativa e Natural Language Processing (NLP) come ChatGPT. In Italia il mercato ha raggiunto 500 milioni di euro, con una crescita del 32%. A livello di implementazione nel contesto aziendale, oltre 6 grandi imprese su 10 hanno già avviato almeno un progetto basato sull’Intelligenza Artificiale, mentre tra le PMI la penetrazione arriva comunque al 15%.

I numeri raccontano come queste tecnologie pervaderanno sempre di più i mercati, entrando anche solo con applicativi circoscritti ad alcuni processi delle nostre aziende. Uno degli aspetti più critici sta proprio nella gestione del cambiamento di processi di lavoro esistenti che riguardano la pianificazione, la collaborazione, il controllo, la reportistica e molto altro.

Per supportare le aziende che si stanno approcciando ora all’introduzione di queste tecnologie, ecco 9 suggerimenti utili alle imprese che stanno per sperimentare l’utilizzo dell’Intelligenza Artificiale Generativa, IA Causale e analisi prescrittiva, per efficientarne l’implementazione.

  1. Preparazione: Siate consapevoli che in azienda è necessario avere degli interlocutori in grado di comprendere queste tecnologie, almeno ad alto livello. Altrimenti, il rischio di non riuscirle a governare bene è molto più elevato dei potenziali benefici. Se pianificate di adottare queste tecnologie, lasciate un trimestre ai vostri colleghi più adatti perché dedichino del tempo alla formazione. Alcune università, come quella di Standford, offrono documenti e video online sulle tecniche e i principi dell’IA. Sarà tempo guadagnato in fase di implementazione!
  2. Individuazione del caso d’uso: Una volta costruite le basi di conoscenza, il passo successivo è identificare ciò che l’IA può fare per l’azienda, come migliorare un servizio, velocizzare un processo o potenziare un’attività. In questa fase è fondamentale circoscrivere le proprie idee ad un caso d’uso specifico: in questo modo sarà molto più veloce ed efficace affrontare il primo impatto con l’IA nella propria attività.
  3. Attribuire un valore economico: Una volta individuati i casi d’uso, è fondamentale valutare il potenziale impatto aziendale del progetto e proiettare il valore finanziario delle implementazioni di IA identificate. Legare un obiettivo economico alle iniziative di IA permetterà di non perdersi nei dettagli e di mettere sempre al centro della valutazione complessiva i risultati. Un altro fattore da tenere in considerazione sarà il fattore t: il tempo che i nostri clienti risparmiano nel fare un certo tipo di attività, dall’introduzione del nuovo strumento tecnologico.
  4. Identificare le carenze di competenze: Una volta stabilite le priorità delle iniziative di IA, è il momento di verificare se ci sono abbastanza competenze per portare la POC al successo. Prima di lanciare un’implementazione completa basata su IA, è corretto valutare la vostra capacità interna, identificare le lacune in termini di competenze per capire a chi affidare il controllo di queste attività, se è il caso di assumere risorse specifiche o scegliere il supporto di società specializzate.
  5. Farsi affiancare, almeno all’inizio: Una volta che ritenete di essere pronti come azienda ad integrare un progetto di IA è fondamentale approcciarlo con una mentalità progettuale assicurandosi di non perdere di vista gli obiettivi aziendali. Affinché il progetto pilota abbia successo è necessario affidarsi ad un team misto, formato da persone interne all’azienda e da un supporto esterno di consulenti o società che abbiano già avuto esperienze simili. Un punto di vista terzo, in questa fase vi assicurerà di mantenere una certa imparzialità rispetto al successo o meno dell’iniziativa.
  6. Pulire i dati: Un repository di dati di elevata qualità e numerosità è la base di un’implementazione IA/ML di successo. Per questo, l’avvio di un progetto di IA è la grande occasione che permette di concentrarsi sulla pulizia e la categorizzazione dei dati, un passo fondamentale per ottenere risultati migliori. Solitamente, i dati delle aziende si trovano in diversi punti di aggregazione, spesso su diversi sistemi. Sarà cruciale la creazione di un repository che permetta di integrare i diversi set di dati, superare le incongruenze e garantire che i dati in uscita siano di altissima qualità.
  7. Step by Step: Tutte le grandi rivoluzioni sono iniziate da piccoli atti sovversivi. Per questo, quando si inizia, suggeriamo di farlo compiendo piccoli passi. Applicare l'IA a un piccolo set di dati permetterà di sostenere test approfonditi. Poi, in modo graduale, aumenterete il volume e permetterete lo scaling di queste attività.
  8. Pianificare l’archiviazione: Una volta che il vostro piccolo set di dati è pronto e funzionante, dovete iniziare a pensare allo storage dei dati che si genereranno. Le prestazioni dell’algoritmo sono importanti tanto quanto la sua efficacia. Per gestire grandi volumi di dati e ottenere una maggiore precisione nelle analisi è necessaria una soluzione ad alte prestazioni supportata da uno storage veloce e ottimizzato: un supporto che probabilmente non avete ancora implementato nel vostro ambiente IT.
  9. Calcolare l’impatto: L’IA fornisce grandi opportunità di crescita, ma sarà un grande cambiamento per i colleghi che avranno a che fare con nuovi processi decisionali. Alcuni manager, per natura sono più diffidenti di altri e dovrete assicurarvi che accettino positivamente il cambiamento e che non facciano nulla per osteggiarlo a priori. In molti casi potrebbe rendersi necessaria un’attività di gestione del cambiamento, attraverso della formazione specifica che introduca la nuova soluzione di intelligenza artificiale spiegando loro tutti i vantaggi che porta con sé. L’implementazione dell’IA non sarà una passeggiata senza difficoltà, ma questo è sempre accaduto per ogni tecnologia che abbia impattato l’operatività della vostra impresa. Focalizzatevi sulla sensibilità rispetto ai dati e sulla fiducia dei vostri colleghi nel percorso che state per intraprendere: questi saranno i due pilastri su cui poggerà il vostro nuovo progetto di IA.

Più di 6 grandi aziende su 10 hanno avviato almeno un progetto basato sull'AI

Articoli correlati

2 min 59 sec

Quando la tecnologia incontra la Terra: una svolta sostenibile

A young male startupper wearing a white t-shirt and a pink jacket look doubtful in front of a desk filled with notes, documents and a monitor. In the background, a blue wall is filled with sticky notes

4 min 3 sec

Perché prendere decisioni è complicato?

a photograph of a young male market analyst is encircled at the centre. Text says: Vai Dal Barbieri, l'editoriale di Alessandro Barbieri, in the background it is depicted the structure of the atom.

9 min 21 sec

Vai dal Barbieri: Miopia atomica